Presentazione ufficiale oggi al Salone d'Onore del CONI

5 Settembre 2022

Questa mattina nel Salone d’Onore del CONI sono stati presentati i FEI World Championships 2022 di concorso completo e attacchi, che si disputeranno ai Pratoni del Vivaro (Rocca di Papa) rispettivamente dal 15 al 18 e dal 22 al 25 settembre.
Nella cerimonia ci sono stati gli interventi di Marco Di Paola (Presidente della Federazione Italiana Sport Equestri), Giovanni Malagò (Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano), Nicola Zingaretti (Presidente Regione Lazio), Alessandro Onorato (Assessore Turismo Grandi Eventi e Sport Roma Capitale), Alessia Pieretti (Consigliera Città Metropolitana delegata a Innovazione Tecnologica, Transizione Digitale, Sviluppo Economico, Attività Turistiche, Energia), Veronica Cimino (Sindaca di Rocca di Papa).
È stato letto un messaggio di saluto di Valentina Vezzali (Sottosegretario di Stato con delega allo sport).

Presenti anche due azzurri della 'short list' del concorso completo, Evelina Bertoli e Marco Cappai, e i direttori sportivi delle discipline olimpiche, Francesco Girardi, e non olimpiche, Duccio Bartalucci.

Nella fantastica cornice del Parco dei Castelli Romani, ai Mondiali di concorso completo (15-18 settembre) gareggeranno circa novanta cavalieri e amazzoni di ben 27 nazioni in lizza anche per i “pass” olimpici per Parigi 2024 riservati alle prime sette squadre classificate. Le iscrizioni definitive si chiuderanno nella serata di oggi, da domani sarà quindi noto l'elenco ufficiale dei partecipanti.
I Mondiali di attacchi (22-25 settembre) vedranno invece al via 40 driver di 16 nazioni, nella specialità del tiro a quattro.

 

Qui di seguito una sintesi degli interventi di questa mattina.

Marco Di Paola (Presidente della Federazione Italiana Sport Equestri): «Se riusciamo a portare eventi importanti in Italia, è grazie alla bellezza del nostro Paese ma anche grazie al coinvolgimento del presidente del CONI, Giovanni Malagò. I Pratoni sono il posto dove molti di noi sono cresciuti, è importante tornarci con un evento così importante a distanza di tanti anni e dopo tante difficoltà. E questo nel segno della compatibilità, della sostenibilità e dell’inclusività, che sono i valori aggiunti a quelli del nostro sport. Dovrà poi essere un evento sostenibile perché dobbiamo lasciare un posto migliore di quello che abbiamo trovato e l'evento sportivo dovrà essere un'occasione di rilancio».

Giovanni Malagò (Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano): «Questi Mondiali, una manifestazione di grande prestigio, sono un premio al grande lavoro della FISE, specie nel periodo di stallo imposto dal Covid. I Pratoni sono un filo rosso con le Olimpiadi, a 62 anni da quella romana, con lo sport italiano che ancora vive grazie agli impianti di allora. Proprio la “legacy” è un punto di riferimento fondamentale per il CIO: vogliono tornare dove è successo qualcosa, e questo è uno dei motivi per cui il presidente Thomas Bach, nella sua visita a Roma, sarà ai Pratoni dal 16 sera al 18 mattina. Il recupero della struttura è un risultato esaltante, la volontà è quella di utilizzarla in futuro anche per altri sport come magari il triathlon e l’atletica».

Valentina Vezzali (Sottosegretario di Stato con delega allo sport): «La collaborazione interistituzionale è stata fondamentale per restituire dignità e funzionalità alla struttura dei Pratoni, che oggi sono tornati a rappresentare il luogo ideale per ospitare eventi sportivi di respiro internazionale e per promuovere le bellezze dei Castelli Romani e tutto il territorio metropolitano».

Nicola Zingaretti (Presidente Regione Lazio): «Come Regione Lazio abbiamo investito con fiducia nel progetto dei Pratoni per il rilancio definitivo di quello che era uno dei tanti paradossi della realtà italiana, recuperando un’area e una struttura che sono state tra i simboli di un’Olimpiade. Lo spirito è stato quello di recuperare il bello, in questo caso i Pratoni, per riconsegnarlo a Rocca di Papa in tutto il suo splendore per un futuro che lo veda al centro di tante altre occasioni».

Alessandro Onorato (Assessore Turismo Grandi Eventi e Sport Roma Capitale): «Questo evento è l’ennesima prova provata che con la cooperazione tra le istituzioni si può riportare Roma al centro del mondo. E lo sport è in grado di sfruttare al meglio le fantastiche location offerte dalla città e dai suoi dintorni».

Alessia Pieretti (Consigliera Città Metropolitana delegata a Innovazione Tecnologica, Transizione Digitale, Sviluppo Economico, Attività Turistiche, Energia): «Questa dei Mondiali è stata un’opportunità importante per utilizzare al meglio il lavoro già avviato da tempo con la nostra idea di rilancio e valorizzazione del territorio. E facendo squadra, con le altre istituzioni, il risultato finale di questa cooperazione porta a un traguardo di eccellenza al quale però in futuro ci piacerà aggiungerne altri».

Veronica Cimino (Sindaca di Rocca di Papa): «È un onore ospitare una manifestazione di questa importanza in quello che è il gioiello di Rocca di Papa, il Parco dei Castelli Romani. Da soli non si va da nessuna parte, con la collaborazione instaurata con la FISE e le altre istituzioni si arriva invece a risultati come quello del pieno recupero e del rilancio dei Pratoni. Una manifestazione che ci ha permesso anche di intervenire sull’intero comprensorio e di portarlo all’attenzione del mondo intero».

 

(Nelle foto Veronica Cimino, Alessandro Onorato, Marco Di Paola, Giovanni Malagò, Nicola Zingaretti, Alessia Pieretti -  Photo © Massimo Argenziano)

 

+

Manage your cookies